Destination Marketing

Camminare è tutto ciò che desideriamo

Il lockdown forzato di Marzo 2020 ci ha lasciato la necessità di camminare: desideriamo camminare, e lo facciamo ogni volta che possiamo.
Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Tabella dei Contenuti

I camminatori delle Statali: camminare è un’urgenza

È capitato a tutti nei giorni dei lockdown più restrittivi, o in quelli immediatamente successivi, di vedere persone, famiglie, coppie camminare nelle peggiori strade ad alta percorrenza. Sono i camminatori delle Statali, persone che senza farsi troppi problemi manifestano un’esigenza comune, quella di muoversi liberi e all’aria aperta.
E siccome non tutti abitiamo nel bosco o in collina, si cammina dove si può arrivare senza prendere la macchina (e la multa), e magari ci toccano lunghi tratti di strade brutte e trafficate, per raggiungere aree più tranquille.

Cosa significa questo? Che di colpo ci piace camminare sull’asfalto con il traffico? Niente affatto.
Questo fenomeno è il sintomo di una tendenza che ha toccato tutti nel profondo: la voglia di camminare nella natura, nella cultura, nella storia. Camminare soli o con pochissime persone che amiamo (e che tengono il passo), camminare per scappare e per ritrovarsi.

Escapismo o nuova tendenza turistica? Decisamente la seconda.

In molti si sono affrettati a far rientrare questa tendenza in quella più generale all’escapismo, ovvero alla necessità di fuga dalla realtà a seguito della clausura forzata. Una fuga da una realtà che non ci piace, che ci spaventa. Noi pensiamo che si sia già trasformata in altro: in Italia lo abbiamo visto nell’estate 2020 dalle inconsuete code sui sentieri delle Dolomiti, dalla riscoperta di destinazioni e sentieri di prossimità.
E’ una vera e propria tendenza turistica solida e rinnovata, che è un concetto diverso da nuova, perché a differenza di prima è un motivo di viaggio molto più forte e diffuso.

Cosa fare per attirare questa tendenza turistica?

Una struttura ricettiva da sola farà molta più fatica a fare promozione su questo aspetto del territorio in cui sorge, ma una rete di imprese o una destinazione turistica possono farlo, senza particolari spese e con grandi risultati.
Ecco alcuni suggerimenti utili:

  1. Censimento digitalizzato dei percorsi: vanno rilevati e restituiti in file GPX. Le cartine servono solo ai vicini di casa. Una volta effettuati i rilievi i percorsi vanno semplicemente catalogati ed inseriti nei portali dedicati in Europa e nel mondo: ci sono già app e siti, non importa farne di nuovi, mentre importa inserirsi in quelli preesistenti.
  2. Segnaletica ecosostenibile ed esplicativa: non è peccato inserire sui percorsi dei pannelli che raccontano qualcosa della fauna, della storia o della leggenda del posto. Non siamo puristi del bosco anonimo: se una famiglia si diverte (tutta) e impara qualcosa camminando, lo racconterà a tante altre famiglie.
  3. Racconto digitale: questo sì, lo si può fare senza particolari costi. Avete visto cosa hanno combinato le Far Oer Island durante il lockdown? Hanno messo una cam sul cappello degli abitanti, e hanno proposto un mese di dirette live dei loro percorsi. Spesa? 50 euro di cam. Risultato? La migliore campagna di destinazione dell’anno.
    A parte le esagerazioni, per fare delle dirette di successo è necessario avere profili o pagine con un numero di follower adeguato, e su questo si deve lavorare: ma una pagina di un hotel con un discreto numero di likes, che vuole promuovere questo aspetto spenderà poco o niente con una live da telefonino, e farà vedere ai suoi follower qualcosa di nuovo, un nuovo motivo di viaggio (e di vendita camere!).
  4. Racconto digitale UPGRADE: i percorsi dove camminare in mezzo alla natura sono perfetti per il racconto su Tik – Tok. Ci sono flow precisi e colonne sonore più comuni da utilizzare, e in generale è più difficile fare contenuti che si facciano notare, ma se il luogo è bello e merita, e se avete iniziato a studiare Tik-Tok da un po’, gli aspetti naturalistici di una destinazione sono i migliori (se non gli unici) da promuovere su questo social. Attenzione ai #fail però, su Tik-Tok sono comuni!
  5. Se puoi offrire vie di fuga: comunicalo! Se hai fatto il sito dell’hotel nel 2019 devi cambiarlo. “Come a casa”, “a due passi dal centro”, “dotazioni moderne” via. Tutto via. Servizio perfetto (ce lo meritiamo), angoli lounge, percorsi personalizzati, vicinanza a “vie di fuga”, come percorsi trekking o località nascoste, secondarie, foriere di sorpresa. Fai newsletter su questo, presentati con un nuovo look, segui la tendenza e non avere paura: mica tutti possono andare a dormire nello chalet nel bosco, quasi nessuno è capace di montare una tenda, e a tutti piace una bella, sana, ricca, artificiale e grassa colazione al mattino in vacanza. Hai quote di mercato anche chi cerca una vacanza “IN FUGA NELLA NATURA”.

Newsletter

Non facciamo spam! Sappiamo quanto sia noiosa.
Riceverai solo una newsletter quando verrà caricato un nuovo articolo o un nuovo corso!

Consulenza

Compila il form per essere ricontattato per fissare una consulenza gratuita conoscitiva.
Non facciamo spam! Sappiamo quanto sia noiosa.
Riceverai solo una newsletter quando verrà caricato un nuovo articolo o un nuovo corso!